Cani e fuochi d’artificio: a  pochi giorni dalla notte di Capodanno torna l’incubo dei padroni di cani che hanno paura dei botti. Ogni anno, infatti, in corrispondenza dei primi rintocchi del nuovo anno, si consuma una vera e propria carneficina di quattro zampe letteralmente terrorizzati a morte dall’assordante esplosione dei fuochi pirotecnici. Non a caso, proprio in queso periodo dell’anno, veterinari e associazioni animaliste lanciano accorati appelli per chiedere alle persone di rinunciare all’utilizzo di fuochi d’artificio. La Lav, ad esempio, si è rivolta alle amministrazioni comunali chiedendo di emanare provvedimenti che ne vietino l’utilizzo. Eppure, come sempre in questo periodo, i telefoni di canili e forze dell’ordine squilleranno all’impazzata per segnalare cani smarriti, in fuga o – peggio – investiti.

Come proteggere, dunque, i cani dai fuochi d’artificio? Ecco 7 regole da non dimenticare:

1) Vietato lasciare il cane solo in giardino:

Anche qualora l’animale sia abituato a dormire fuori, è indispensabile proteggerlo durante la deflagrazione dei botti. In preda al panico, infatti, Fido potrebbe ferirsi oppure tentare di scappare rischiando di perdersi o rimanere investito dal traffico;

2) Mettere a disposizione un luogo chiuso e silenzioso:

L’ideale è certamente permettere al cane di entrare in casa e chiudere tapparelle o imposte per attutire il più possibile i rumori esterni. Se si sceglie di accogliere Fido in garage o rimesse, assicurarsi di eliminare oggetti che potenzialmente pericolosi per il cane come cesoie, lame di diversa natura o materiali tossici. Non legare il cane a catene: rischierebbe di soffocarsi nel tentativo di divincolarsi;

3) Tv, radio e stereo, preziosi alleati:

Accendere la televisione oppure la radio per far sì che il rumore di fondo riesca a coprire – almeno in parte – lo scoppio dei fuochi d’artificio;

4) Fare compagnia a Fido:

Se è possibile, non lasciare solo il proprio animale domestico ma rimanergli accanto. Utilizzare un tono di voce basso e pacato per rivolgersi a lui per non rischiare di alimentare, anche inconsapevolmente, timori o ansie;

5) Via libera alle passeggiate:

Durante il pomeriggio del 31 dicembre, condividere assieme al proprio amico a quattro zampe una lunga passeggiata. Gli permetterà non solo di rilassarsi ma anche di stancarsi divenendo – probabilmente – meno suscettibile ai botti;

6) Giocare fa bene:

Cerca di distrarre il cane proponendogli giochi a lui graditi oppure nascondere del cibo ed invitarlo a cercare;

7) Sos veterinario:

Consultare preventivamente il proprio medico veterinario. Esistono, infatti, integratori per cani o farmaci che possono favorire il rilassamento e aiutare, così, Fido ad affrontare le paure. Al bando il fai da te: solo il veterinario possiede le competenze per individuare il prodotto più adeguato al cane in relazione alle sue condizioni di salute.

Dalla redazione di Storie a quattro zampe, i migliori auguri di buon anno, sia a te che al tuo amico a quattro zampe!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata